30 Mag 23:37

lat 42° 47′ 12”, LONG 10° 16′ 28”

Cerca
Close this search box.
30 Mag 23:37

lat 42° 47′ 12”, LONG 10° 16′ 28”

Cerca
Close this search box.

|

Beauty & benessere

Tra buoni propositi e “nuove noi”: bentornato gennaio

Ai nuovi inizi, e alle vecchie e nuove sfide che gennaio rinnova ogni anno.

Gennaio, lo sappiamo, è il mese più lungo dell’anno, e questo poco ha a che vedere con il numero di giorni che lo compongono: per una serie di concause non meglio chiarite, gennaio sembra occupare lo spazio di due mesi pieni. Probabilmente perché è il mese del rientro alla routine, il mese in cui si comincia a fare sul serio e tutti gli impegni rimandati nell’ultima parte di dicembre, sotto l’egida del “ne parliamo dopo le feste”, reclamano adesso la nostra attenzione. È un ritorno alla realtà, il momento in cui ci fermiamo per guardarci intorno e fare un bilancio istintivo delle cose che vorremmo cambiare della nostra vita. Una valanga di “buoni propositi” travolge tutti i nostri pensieri a ogni ritorno di gennaio, propositi che possono essere sfide alle nostre abitudini come il dry january o il veganuary, oppure coinvolgere decisioni di vita come cambiare città, lavoro, o dichiarare il proprio amore.

Oltre che mese più lungo, gennaio è anche il mese più freddo, rigido e implacabile col suo ritmo serrato di impegni e rientri a pieno regime, un richiamo alla realtà che può qualche volta sopraffare. Trovare il tempo (e qualche volta il coraggio) di fermarsi a riflettere sulla propria vita non è sempre facile, ma vale la pena ricordarsi che i brevi momenti di valutazione e bilancio sono essenziali per non perdere di vista obiettivi e desideri, e fermarsi per un istante a riflettere può aiutare a rimetterci in linea con noi stesse, e a capire anche cosa lasciarci alle spalle.

Che il nostro nobile proposito per il 2024 sia di andare in palestra, o di scrivere un libro, gennaio è il momento giusto per iniziare a trasformarlo in realtà. Non lasciamoci intimidire dalle dimensioni delle nostre stesse aspettative: qualcuno di saggio una volta disse che qualsiasi impresa, mastodontica o spaventosa che sia, va affrontata sempre allo stesso modo, e cioè un giorno per volta.

E per renderci il cammino più facile, niente come un piccolo progetto personale, qualcosa di bello e che sia solo per noi – senza necessariamente una utilità immediata – potrà servire a darci la carica per affrontare al meglio il mese più implacabile dell’anno, un giorno per volta.

Qui abbiamo elencato alcuni spunti per ispirarvi, dei modi semplici ed efficaci per introdurre un elemento di novità quotidiano, e che potremmo aver già messo in pratica anche noi…

Un’occhiata nell’armadio

Un po’ per fretta, un po’ per comodità, ci ritroviamo a indossare a rotazione sempre gli stessi vestiti, che si fanno strada nella parte più esterna dell’armadio, relegando sul fondo tutto il resto del nostro guardaroba, che diventa a quel punto una massa informe e sconosciuta di colori e tessuti. È arrivato il momento di invertire i posti: prendi tutti i maglioni finiti sul fondo dell’armadio e portali in posizione frontale, scoprirai con sorpresa che in effetti avevi già un pullover grigio di mohair, proprio simile a quello che stavi per comprare con i saldi! Sarà un po’ come fare shopping nel proprio armadio, divertente e gratis (qualcuno la chiamerebbe girl math).

Profumo di nuovo

Nulla segnala al nostro corpo l’arrivo di un cambiamento come un profumo nuovo e sconosciuto. Gennaio è il momento perfetto per scegliere il tuo nuovo profumo per l’anno appena cominciato. Potrai decidere se optare per una variante del tuo profumo preferito, oppure avventurarti in territori sconosciuti e scegliere una nuova nota di testa, insolita e vibrante, con cui iniziare l’anno. Un consiglio? Essenza di Acqua dell’Elba, un grande classico dall’eleganza intramontabile, con le sue note di fiori d’arancio, tuberosa e gelsomino: un maglione avvolgente e morbido di fiori bianchi, con la freschezza mediterranea del bergamotto a dare un boost al buonumore.

Caffè o tè?

Una piccola quantità di caos misurato può avere effetti benefici sull’intera giornata, ecco perché ti suggeriamo di sperimentare con la colazione. Sei un’assidua consumatrice di caffè? Perché non passare al tè per un mese? Un piccolo cambiamento, che può essere il veicolo per scoprire nuovi sapori, e introdurre una piccola novità nella nostra giornata. Esistono infinite varietà di tè, e sarà interessante provarne diversi per trovare il tuo preferito. Aromatizzati o naturali, tè verdi, neri, bianchi, cinesi, giapponesi, insomma un viaggio nella storia e nei profumi. Naturalmente vale lo stesso per chi è assidua consumatrice di tè: passare al caffè per un mese sarà un piacevole diversivo, e sarà divertente scovare il miglior cappuccino nel quartiere e scoprire nuove miscele, tostature e aromi all’inizio di ogni giornata. E alla fine del mese, potrai decidere se tornare alle tue abitudini, ma in ogni caso avrai ampliato il tuo archivio di sapori e bagaglio culturale in fatto di bevande.

Il momento di diventare massima esperta in *inserire ambito a scelta*

Il mondo è pieno di conoscenza che ancora non conosciamo, allora perché non dedicarci a saperne di più? Di cosa? Qualsiasi cosa vale la pena di essere conosciuta! Scegli un argomento di cui vorresti sapere di più, cercando tra tutti i tuoi interessi, e dedicati anima e corpo a diventare la massima esperta nel campo. Sarà divertente, allenerai un numero altissimo di competenze, e diventerai una figura di riferimento per amici e parenti come una vera autorità in materia. Che si tratti di un corso per diventare sommelier, di fotografia in bianco e nero, o di restauro dei tessuti, la rosa delle possibilità è pressoché infinita, e il bello è proprio questo.

“Je suis Catherine Deneuve”

Imparare una nuova lingua è sempre, non solo a gennaio, un’ottima idea, non necessariamente per questioni legate a studio o lavoro, ma in generale per mantenere elasticità di pensiero e ragionamento. Imparare una nuova lingua è un progetto che saprà ripagare con grandi soddisfazioni! Possiamo scegliere di frequentare un corso nella nostra città, oppure, se abbiamo meno tempo, farlo tramite un’app: c’è solo l’imbarazzo della scelta, e la maggior parte di queste app hanno un’ottima versione free con cui iniziare.

Molti di questi suggerimenti potrebbero essere racchiusi in uno solo, e cioè quello valido per tutto l’anno non solo a gennaio, di dedicare del tempo a conoscersi meglio, a stare dentro noi stesse anziché costantemente all’esterno dove siamo richieste di continuo tra lavoro, famiglia e responsabilità.

Tra i mille impegni quotidiani che reclamano la nostra presenza, è fondamentale ricordarsi di coltivare con cura il giardino della nostra vita interiore, uno dei grandi piaceri della vita. Per prendere in prestito le parole di Cesare Pavese in una lettera a Fernanda Pivano:

“Cara Fern,
[...] si faccia una vita interiore – di studio, di affetti, d'interessi umani che non siano soltanto di «arrivare», ma di «essere» – e vedrà che la vita avrà un significato.”

E che sia un buon gennaio!

Scritto da

Share

Sarah Baker - Fonte: Dupe
Sarah Baker - Fonte: Dupe
Cora Pursley - Fonte: Dupe
Sarah Baker - Fonte: Dupe
Morgana Parravicini - Fonte: Dupe
ACQUA DELL’ELBA ti accompagna in un viaggio che si snoda fuori dai sentieri battuti e che si fa a grandi passi, lungo bianche spiagge silenziose, o per le strade di collina, ma anche restando fermi, seduti su uno scoglio, ammirando un tramonto.

Segui la brezza dell' isola