30 Mag 17:18

lat 42° 47′ 12”, LONG 10° 16′ 28”

Cerca
Close this search box.
30 Mag 17:18

lat 42° 47′ 12”, LONG 10° 16′ 28”

Cerca
Close this search box.

|

Botanica profumata

Tamerice: proprietà curative e significato simbolico di una pianta sempreverde dell'isola d'Elba

Le proprietà curative delle tamerici un tempo erano considerate preziose e uniche, per questo conosciute e tramandate da secoli in ambito popolare ed erboristico. Questa pianta sempreverde, conosciuta per la propria resilienza e la capacità di prosperare in ambienti salmastri, conta oltre settanta specie differenti.

Le proprietà terapeutiche, benefiche e curative dell'albero di tamerice

Come anticipato, la tamerice è nota per quelle che si definivano in passato le sue proprietà curative: queste piante vennero infatti frequentemente utilizzate in erboristeria perché a loro si attribuivano qualità diuretiche e astringenti, dovute all’elevata presenza di tannini nelle sue foglie e nei fiori.

I tannini, infatti, sono sostanze polifenoliche, assolvono la funzione di autentiche sentinelle vegetali. Tali composti chimici hanno proprietà antinfiammatorie e antibatteriche, proteggono le piante da predatori e malattie, tessendo anche un invisibile legame di cura e resilienza tra gli esseri umani e la natura.

Le radici di queste piante, del resto, si intrecciano con la storia del rimboschimento, della creazione di barriere naturali contro il vento e delle dune che proteggono il nostro amato mare. Le foglie sottili, circondate da fiori rosati e stami gialli, adornano giardini e vie con la loro bellezza selvaggia ed esotica, narrando al tempo stesso una storia di utilità e sopravvivenza: dal foraggio salato per il bestiame, alle robuste scope create con i suoi rami, fino all’uso dei suoi legni e delle sue ceneri in antiche tradizioni e mestieri.

Il significato simbolico della tamerice e la sua diffusione tra le piante dell’Isola d’Elba

Fin dall’antichità, le tamerici hanno avuto un posto d’onore nel pantheon delle piante sacre in diverse culture. Gli antichi Egizi per esempio le ritenevano fonti preziose per la creazione di balsami e unguenti curativi, mentre la mitologia greca legava le loro delicate fioriture ad Afrodite, dea dell’amore, evocando immagini di bellezza e femminilità.

Nel Medioevo, invece, le tamerici erano simboli ricorrenti che rappresentavano l’eternità e la vita oltre la morte. Questo immaginario derivava dalla convinzione che le piante di tamerice fossero immuni alla decomposizione, un attributo che le rendeva guardiani silenziosi nei luoghi di riposo eterno.

Nel tessuto del folklore europeo, le tamerici erano considerate baluardi contro le entità nefaste, piante resistenti e indomabili in grado di sfidare qualsiasi avversità. Si credeva infatti che piantarle vicino alle proprie abitazioni offrisse protezione contro streghe, demoni e spiriti malvagi.

Tra le dune che accarezzano i sentieri e le coste dell’isola d’Elba, la tamerice è simbolo di resilienza, del ragionare di fiori dove la fioritura è irragionevole, della capacità di fronteggiare il tempo e gli elementi con grazia e speranza.

La Tamarix ramosissima: un albero particolarmente apprezzato per il suo aspetto rosa e gentile

Tra le varie specie di tamerice, una varietà incanta con la sua bellezza: la Tamarix ramosissima Pink Cascade. I suoi fiori rosa intenso, simili ad antiche gemme, sono una fonte di meraviglia per chiunque posa lo sguardo su di essi. I rami spaziano dal marrone al rosso, gentilmente piegati, lasciando le foglie libere di danzare nel vento. 

Durante l’estate, l’incanto raggiunge il suo apice quando la Tamarix ramosissima riversa dai suoi rami nuovi grappoli di fiori a cinque petali. Queste delicate corolle, raccolte in mazzi avvolgenti di rosa, riescono a fluttuare con eleganza e delicatezza, misurando fino a 8 cm.

Le origini della Tamarix ramosissima si perdono tra le antiche terre dell’Europa Sudorientale e dell’Asia. Nonostante le sue radici remote e la sua apparenza gentile, questa pianta è in grado di resistere al rigore del freddo fino a -15°C, sfidando con grazia ogni inverno mediterraneo.

Le tamerici sono un simbolo di resilienza, bellezza e biodiversità nel cuore dell’isola d’Elba

Sull’Isola d’Elba le tamerici, con le loro spettacolari fioriture, concretizzano scenari di straordinaria bellezza, intrecciando le proprie radici con il mare.

La tamerice, infatti con le sue molteplici proprietà curative e il suo profondo significato simbolico, è una testimonianza della biodiversità dell’Isola d’Elba: un simbolo di resilienza e bellezza. In un mondo che cambia rapidamente, gli alberi e gli arbusti di tamerice insegnano l’importanza di adattarsi e prosperare nonostante le avversità, mantenendo sempre le radici ben salde nella propria terra.

Scritto da

Share

Fonte: Shutterstock
Fonte: Shutterstock
Fonte: Shutterstock
Fonte: Shutterstock
ACQUA DELL’ELBA ti accompagna in un viaggio che si snoda fuori dai sentieri battuti e che si fa a grandi passi, lungo bianche spiagge silenziose, o per le strade di collina, ma anche restando fermi, seduti su uno scoglio, ammirando un tramonto.

Segui la brezza dell' isola