30 Mag 20:25

lat 42° 47′ 12”, LONG 10° 16′ 28”

Cerca
Close this search box.
30 Mag 20:25

lat 42° 47′ 12”, LONG 10° 16′ 28”

Cerca
Close this search box.

|

ARTE & CULTURA

L’Orto dei Semplici, il museo vivente dell’Isola d'Elba

Nella medicina monastica medievale l’hortus semplicium era uno spazio destinato alla coltivazione delle piante medicinali e aromatiche: un luogo di calma e tranquillità, antenato dei moderni giardini botanici.

Poco distante dall’antico paese di Rio nell’Elba sorge l’Orto dei Semplici, un luogo che racchiude tutta magia dell’Isola d’Elba in un’atmosfera di pace e meditazione. 

Immerso nel silenzio e nella natura, l’Orto dei Semplici è la meta perfetta per vivere un’esperienza senza tempo, lontani dalle spiagge più affollate.

Situato a fianco all’Eremo di Santa Caterina, l’Orto dei Semplici elbano nasce da un’idea del fotografo e scrittore Hans Berger, promossa dai professori G. Corsi e F. Garbari dell’Università di Pisa. Dalla sua apertura al pubblico nel 1997, l’Orto dei Semplici continua a promuovere e diffondere la conoscenza delle piante spontanee e coltivate dell’Arcipelago Toscano, tramandandone le tradizioni etnobotaniche collegate.

Le meraviglie botaniche dell’Elba:

dalle piante dunali alla tradizione officinale elbana

Il percorso si articola in 11 sezioni tematiche ben delimitate, che evocano il modello dell’hortus conclusus medievale. La prima sezione è dedicata alla Macchia Mediterranea, ricca di piante endemiche come il Limonio dell’Elba, il Fiordaliso del Monte Capanne e lo Zafferano dell’Elba. Il Pergolato accoglie i sette vitigni tradizionali dell’Isola, affiancato dalla zona dedicata alla Flora delle Dune marine, dove spiccano il Giglio di mare e il Papavero cornuto.

Proseguendo troviamo l’hortus dedicato agli Antichi giardini elbani, ricco di piante ornamentali come il glicine, l’acanto e la palma nana. Da questo spazio si accede alla sezione dedicata alle Piante sacre delle civiltà antiche, in cui è possibile ammirare piante dai forti significati simbolici e mitologici come il mirto, l’alloro, la ruta e il melograno.

Nel Labirinto numerose vasche di tufo accolgono le piante alimentari e officinali della tradizione elbana, come il dente di leone, la vetriola e il finocchietto selvatico. Con la sua meravigliosa vista sul territorio e sul mare, l’Anfiteatro, profumato di rosmarino e corbezzolo, invita al silenzio e alla contemplazione.

Dall’Anfiteatro si arriva al Giardino delle farfalle, incantevole oasi di piante aromatiche e ricche di nettare; proseguendo si arriva al Frutteto, ideato per salvaguardare le principali specie da frutto coltivate nell’Elba, specialmente quelle a rischio di estinzione.

L’Orto si conclude in queste due zone: l’Apiario e il Campo Grande, un appezzamento di terra dove l’erba viene tagliata solo due volte all’anno per favorire la ricca biodiversità ambientale.

Il Santuario di Santa Caterina:

luogo di preghiera e di cultura

Oltre l’Orto dei Semplici sorge l’Eremo di Santa Caterina d’Alessandria, un secolare luogo di preghiera e meditazione che molto probabilmente risale all’età romanica, ma ampliato e rimaneggiato nel 1634.

La chiesetta, ancora oggi consacrata, è sede di una fondazione culturale, di mostre e di concerti di musica antica. Un vero crocevia di saperi e pensieri, in cui l’arte riveste un ruolo fondamentale: disseminate lungo la navata è possibile ammirare diverse opere contemporanee, realizzate in materiali naturali come ferro, legna e terracotta.

Queste installazioni artistiche sono presenti anche negli horti e nei camminamenti dell’Orto dei Semplici, in armonia con la spiritualità e la naturale bellezza del luogo, assolutamente da visitare per un’esperienza immersiva nel cuore verde dell’Isola.

Scritto da

Immagini

A. Marchese

Share

Orto dei semplici
Orto dei semplici
Orto dei semplici
Orto dei semplici
Orto dei semplici
Orto dei semplici
ACQUA DELL’ELBA ti accompagna in un viaggio che si snoda fuori dai sentieri battuti e che si fa a grandi passi, lungo bianche spiagge silenziose, o per le strade di collina, ma anche restando fermi, seduti su uno scoglio, ammirando un tramonto.

Segui la brezza dell' isola