31 Mag 01:03

lat 42° 47′ 12”, LONG 10° 16′ 28”

Cerca
Close this search box.
31 Mag 01:03

lat 42° 47′ 12”, LONG 10° 16′ 28”

Cerca
Close this search box.

|

Viaggi e scoperte

Alla scoperta del Monte Capanne, la montagna circondata dal mare

Nel cuore dell’Isola d’Elba si erge imponente il Monte Capanne, che con i suoi 1.019 metri di altitudine sfiora il cielo, affacciandosi solitario sull’orizzonte blu. Questa montagna incantata è una tappa d’obbligo per chiunque desideri perdersi nella magia del luogo: un mondo in cui l’anima trova rifugio tra le vette e i sentieri, e dove i miti e le leggende danzano in armonia con la bellezza della natura.

Una vista privilegiata sulle Perle dell’Arcipelago Toscano

Dalla sommità del Monte Capanne lo sguardo abbraccia l’intera isola d’Elba e l’infinita distesa del mare, le cui sfumature si fondono con quelle di un cielo che cambia sempre, pur mantenendo la stessa essenza. È un luogo dove il tempo e lo spazio s’incontrano in un’unica visione mozzafiato, un’istantanea rubata all’infinito.

Le isole circostanti emergono come gioielli nascosti nell’azzurro del Tirreno, offrendo una visione panoramica che incanta mente e cuore: Pianosa, Capraia, Montecristo, Gorgona e perfino la stessa Corsica diventano chiaramente visibili nelle giornate più limpide.

Il bosco di castagni e il Santuario della Madonna del Monte

La strada per raggiungere questa vetta è un viaggio ai confini del tempo: un istante sospeso, sottratto alla frenesia moderna. Il sentiero è circondato dai castagneti secolari di Marciana, che raccontano storie millenarie. Ogni passo è un ritorno alla bellezza delle cose semplici, una fuga dalla vita quotidiana. 

Durante il percorso si incontra anche il Santuario della Madonna del Monte, un luogo di devozione e contemplazione, dove il sacro e il profano si fondono in una quiete mistica. Qui, i pellegrini e gli escursionisti si fermano per raccogliere pensieri e preghiere, lasciandosi cullare dalla serenità del luogo.

La ricchezza floristica del Monte Capanne

La flora del Monte Capanne è un tesoro di biodiversità, un poema scritto dalla natura stessa. Seguendo i sentieri, si scoprono microcosmi dai delicati equilibri, abitati da specie endemiche e spontanee orchidee di rara bellezza. Ogni passo rivela una sorpresa: in autunno, ad esempio, tra i boschi di lecci si celano oltre duecento specie di funghi, tra cui il prelibato porcino nero, una delizia per gli appassionati di cucina.

Tra le specie endemiche spiccano lo zafferano dell’Elba (Crocus ilvensis), il fiordaliso del Monte Capanne (Centaurea ilvensis) e la viola del Monte Capanne (Viola ilvensis), gioielli della flora locale. 

Alle pendici del monte, la macchia mediterranea è punteggiata da maestose rocce granitiche scolpite dal vento, che regalano forme uniche e suggestive, come opere d’arte naturali create dall’inesorabile scorrere del tempo.

Il “Patriarca” del Capanne

Tra tutte le sue meraviglie, il Monte Capanne custodisce un segreto speciale, il “Patriarca,” un castagno millenario che si erge come un antico guardiano della montagna. La sua saggezza si percepisce nell’ombra fresca dei suoi rami e nei suoi anelli, che raccontano una storia lunga secoli. Il Patriarca è un testimone silenzioso delle epoche passate, una fonte di ispirazione per chi cerca la quiete e la maestosità della natura.

Un viaggio sul Monte Capanne è un viaggio dentro se stessi, dove la bellezza e la poesia della natura riempiono l’anima di emozioni profonde. È un tesoro nascosto nel cuore dell’isola d’Elba, pronto ad affascinare chiunque osi avventurarsi tra le sue vette, un luogo dove l’eterno abbraccio tra cielo e mare diventa un’esperienza indimenticabile.

Scritto da

Share

Fonte: Shutterstock
Fonte: Shutterstock
Fonte: Shutterstock
Fonte: Shutterstock
Fonte: Shutterstock
ACQUA DELL’ELBA ti accompagna in un viaggio che si snoda fuori dai sentieri battuti e che si fa a grandi passi, lungo bianche spiagge silenziose, o per le strade di collina, ma anche restando fermi, seduti su uno scoglio, ammirando un tramonto.

Segui la brezza dell' isola